10 Luglio 2020
news
percorso: Home > news > News

Quattro chiacchiere con Gennaro Tessitore

03-11-2017 16:10 - News
Il personaggio della settimana è Gennaro Tessitore, uno dei grandi colpi del mercato estivo della Rossella, venuto a Civitanova dopo aver giocato lo scorso anno prima a Teramo in Serie B (16.5 punti di media in 17 partite) e poi a Vigevano in C Gold Lombardia. In passato aveva già conosciuto bene le Marche, grazie alle esperienze con Recanati in B1, Montegranaro in Serie A e Falconara in B.
Finora è stato limitato prima da una squalifica pregressa e poi da un guaio fisico. Nella trasferta di Perugia tuttavia è stato il migliore in campo con 25 punti frutto di un ottimo 10/14 al tiro,
Gennaro, mercoledì a Perugia è arrivata una vittoria forse pronosticabile, ma non in quelle proporzioni. Può essere un punto di svolta della stagione della Rossella?
"Sulla carta era un´occasione che non potevamo lasciarci sfuggire anche perché abbiamo già fatto qualche passo falso e quindi abbiamo centrato l´obiettivo, facendo sicuramente un´ottima partita. Stiamo cercando di lavorare per migliorare e piano piano cerchiamo di mettere a posto i punti deboli."
Allo stesso modo per te, dopo un inizio di stagione travagliato, è arrivata la prima grande prestazione dell´anno. Ti senti al 100% adesso?
"In realtà no, da un mese e mezzo sto cercando di risolvere un problema al tendine d´Achille. Mi alleno solo da una settimana e ho perso quasi tutto il lavoro della preparazione. Contro Recanati avevo ancora dolore mentre mercoledì è andato molto meglio, ma come condizione fisica sono ancora al 50%."
Domenica arriva Senigallia, col dente avvelenato per la sconfitta subita in casa con Cerignola. Che partita dobbiamo aspettarci?
"Più di preoccuparci degli altri dobbiamo guardare a noi stessi perché abbiamo grosse potenzialità, in parte ancora inespresse. E aggiungo che in casa non dobbiamo più perdere, siamo a già due sconfitte e non possiamo più permettercelo altrimenti si fa sempre più dura per raggiungere i piani alti della classifica."
Il campionato sembra piuttosto equilibrato, con la sola Sen Severo una spanna sopra le altre. Te l´aspettavi?
"È molto equilibrato, grossi distacchi non se ne sono visti anche se ci sono altre squadre come Pescara o Bisceglie molto attrezzate, inoltre molte interverranno sul mercato e i valori cambieranno sicuramente. Ma per me noi non siamo da meno, abbiamo un potenziale ottimo."
Nella tua lunga carriera hai calcato i palcoscenici di tutta la penisola da Trapani a Orzinuovi, a quali momenti sei particolarmente legato?
"Il ricordo più bello è sicuramente l´anno in cui ho giocato in Serie A (2013/14) con Montegranaro, allenato da Recalcati contro i migliori giocatori del paese e nei palazzetti più importanti."
Un consiglio ai giovani del nostro settore giovanile: una qualità essenziale senza la quale non si può arrivare ad alti livelli?
"Le due cose imprescindibili per essere un vero giocatore sono l´umiltà e la voglia di lavorare, se si ha quello come obiettivo bisogna dare tutto per raggiungerlo."


Realizzazione siti web www.sitoper.it
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account